Cronache dalla festa del papà

Ieri Cesare e Ulisse sono stati dalla dentista con la Mamma.

Ulisse (6 anni) ha coraggiosamente subito la seconda estrazione di denti a sorpresa nel giro di pochi giorni.

Cesare (8 anni e mezzo) ci ha regalato una delle sue riflessioni intime:

Sai mamma, quando si diventa grandi cambiano i ruoli: prima si è solo figli, poi a un certo punto si diventa papà. E poi, quando i tuoi figli diventano papà, si diventa nonni. Si cambia sempre, crescendo.

La sera, Cesare, Ulisse e Daria (Mamma) hanno fatto una sorpresa a Papà.

Festa del Bolso Papà

La notte la fata dei dentini ha messo un regalino sotto il cuscino di Ulisse.

Fa’ qualcosa per la mamma!

La mamma è molto stanca e oggi pomeriggio dorme profondamente e beatamente sul divano. Si sta rimettendo da un po’ di malessere.

I due iBabies si trastullano – in via del tutto eccezionale – con i nostri iPad. Si avvicina l’ora della cena.

iPapy li interpella:

[rumori di giochini iPad dal letto a castello]
– Bambiniiii? Volete la cena?
– Sìììì, abbiamo fame!
– Volete aspettare che si svegli la mamma?
– Ulisse: ma fai la minestrina, noh? Anche per la mamma… ne ha bisognissimo
– iPapy: Ma…
– Cesare: Rendi felice la Mamma! Fa’ qualcosa per lei!
[di nuovo rumori di giochini iPad dal letto a castello]

Vado a rendere felice la mamma con la minestrina.

Passo e chiudo.

Kid vs. Cat

Cesare sta imparando inglese a scuola. Come noto resiste assai poco alla fame, tanto per dire ha apostrofato il cardiochirurgo che lo visitava con un bel

Food!

L’altra sera Alibi, il gatto tanto bolso quanto famelico si para dinnanzi a Cesare a tavola, a cena.

Il gatto: [affamato] MIAOOO…

Cesare: [perentorio]

Hey you, cat!
Your cat’s food It’s di là!
Fila in the kitchen!

Siamo sulla buona strada.

Il vostro scienziato

20120813-205234.jpg

Prendete un quasi ottenne, catapultatelo da una torrida Bologna a una mite meta di montagna. Lasciatelo qualche settimana nell’orto dei nonni Trentini e vi ritroverete un novello Piero Angela:

Care rondini,

io vi auguro buona estate e buone vacanze in Africa che è il posto più caldo di Bologna [sic].

Io vi guardo dalla finestra sui fili dell’elettricità.

Il vostro scienziato,

Cesare G.