L’apertura dei cancelli

Finalmente libero

Con Cesare non c’era stata occasione: il lettino era diventato troppo stretto per lui noi eravamo prigionieri della casa provvisoria, troppo piccola per fare cambiamenti e troppo provvisoria per un letto nuovo.

Semplicemente Cesare si prese il lettone, Ulisse neonato il lettino e noi genitori il divano letto di Paolone.

Ma ora siamo a casa nostra e ogni notte è un carosello di letti: lettino, lettone, divano, letto di Cesare. Una transumanza continua.

Ulisse potrebbe essere trattenuto solo da un trasportino per cani di grande taglia, a patto di sopportare le urla da carcerato. Il lettino gli serve solo ad emulare Nino Castelnuovo (*).

E così ieri sera mi sono armato di brugole e ho abbattuto barriere e cancelli.

Ed è stata libertà e felicità.

E stanotte ci hanno dormito insieme. Abbracciati. Almeno per un po’.

Poi è ricominciato il carosello fino all’alba.

(*) Secondo me “fare olio cuore” dovrebbe entrare nel vocabolario.

Homo habilis

Ulisse, un anno e una manciata di giorni ha imparato a usare la sedia tripp trapp come scala.
La prende, la spinge fino a dove vuole andare, ci sale e va a prendere quello che poco prima ha indicato.
Dimostra sempre più di essere un velociraptor, degno di Jurassic Park.

Per me finisce che si spacca la testa. Suo padre si preoccupa per i sacri DVD.
Par condicio.