Fa’ qualcosa per la mamma!

La mamma è molto stanca e oggi pomeriggio dorme profondamente e beatamente sul divano. Si sta rimettendo da un po’ di malessere.

I due iBabies si trastullano – in via del tutto eccezionale – con i nostri iPad. Si avvicina l’ora della cena.

iPapy li interpella:

[rumori di giochini iPad dal letto a castello]
– Bambiniiii? Volete la cena?
– Sìììì, abbiamo fame!
– Volete aspettare che si svegli la mamma?
– Ulisse: ma fai la minestrina, noh? Anche per la mamma… ne ha bisognissimo
– iPapy: Ma…
– Cesare: Rendi felice la Mamma! Fa’ qualcosa per lei!
[di nuovo rumori di giochini iPad dal letto a castello]

Vado a rendere felice la mamma con la minestrina.

Passo e chiudo.

Kid vs. Cat

Cesare sta imparando inglese a scuola. Come noto resiste assai poco alla fame, tanto per dire ha apostrofato il cardiochirurgo che lo visitava con un bel

Food!

L’altra sera Alibi, il gatto tanto bolso quanto famelico si para dinnanzi a Cesare a tavola, a cena.

Il gatto: [affamato] MIAOOO…

Cesare: [perentorio]

Hey you, cat!
Your cat’s food It’s di là!
Fila in the kitchen!

Siamo sulla buona strada.

La vita, la morte e le carote julienne

Mamma, ma il nonno dov’è adesso?

E chi può dirlo? Di sicuro un po’ è anche lì, dentro di te. Tutte le cose che ti ha raccontato, per il bene che ti ha voluto. E poi ci sono rimasti tutti i suoi pensieri…

Passano i giorni, ma il pensiero torna spesso al nonno chissà dove’è… chissà cosa fa…

Mamma ho capito, il corpo del nonno è al cimitero. Ma la testa dov’é? Ce l’ha la nonna?

La testa?

Eh sì, gliela avran pur tagliata la testa per far si che ci tenessimo i suoi pensieri…

Glom.

Mamma… ma perché non lo vedo?

Cosa, Cesare?

Il nonno, non lo vedo dentro il mio cuore… non c’è proprio. Guarda anche tu!

E mi porge un’eco del suo cuore.

RiGlom.

Cesare, hai fame?

Sì, dammi una carota!

C’è sempre una carota a sbrogliar le situazioni. Meno male.