Strategie e sacrifici

Il piano di Matteo Renzi è definito. Lo strappo di oggi è solo una prima tappa. Quella più importante passa per l’elezione del capo dello Stato. Che il sindaco Rottamatore non solo ha deciso di giocare in prima persona. Ma da dentro il Palazzo. Da leader nazionale. Come espressione di un altro Pd rispetto a quello bersaniano. E’ la “fase due” della Rottamazione, la Rottamazione dall’alto, e non più (e non solo) da dentro. Che passa non dalle fumose direzioni di partito, da cui è assente da un po’. Ma da una strategia su due livelli: il Palazzo, dove giocare il grande risiko sul Quirinale. E l’opinione pubblica, da sensibilizzare attraverso una strategia mediatica studiata nei dettagli.

Se quanto ricostruito nel pezzo dello Huffington Post è vero, mi convinco ancora di più di preferire chi le cose le cambia dal di dentro rispetto a chi scatena un assalto da fuori del suo campo di azione.

E mi chiedo, chi, nei media e in altri ambienti, dà supporto a Matteo Renzi senza dirlo apertamente? Le comparaste in televisione sono su invito o su proposta?

E’ lecito far pesare le proprie truppe con mezzi del genere?

Mi trovo d’accordo con Civati: Se devo sacrificare qualcuno

Sacrifico Berlusconi, non Bersani. O Prodi.

E mi chiedo da un mese, anzi, da quando andavo al liceo, perché mai dobbiamo sempre aiutare Berlusconi. E se non lo facciamo noi, troviamo qualcun altro dispostissimo a farlo.