La gestione del segreto

Penso che sia bene tirare fuori i segreti.

Non parlo dei segreti collegati alla pudicizia: la malattia propria o dei propri cari, le funzioni corporali, una grossa figuraccia sul lavoro.

Parlo dei segreti seppelliti. Quelli che sono demoni che ci divorano. Che se anche affiora il pensiero, il nostro io si gira dall’altra parte. Quelli che non ci voglio neanche pensare ad affrontarli. Quelli che è meglio di no, ho detto no.

Ti illudi che tutto sommato, se ti ci metti proprio bene, riesci a nascondere il segreto. Lo metti sotto il tappeto. Sbagliato: hai visto troppe poche volte Tom e Jerry. La bozza si vede. Non c’è via di scampo. Anche se l’hai nascosto bene, anche se non ne parli mai. La sagoma è evidente, da tanti piccoli particolari. Come un’immagine eco. Meglio di un radar, peggio di una visione notturna. Ma si vede.

I segreti vanno fatti uscire senno’ crescono. Senno’ diventano demoni e i demoni non ti lasciano più. Quasi come i draghi. Quelli volano pure e hanno denti aguzzi. E ti trovano. Trovano il tuo stomaco e lo macinano.

Ma non è la paura del Drago che ti deve spingere a pisciare il calcolo. E’ la certezza di sconfiggerlo. E’ la ricompensa di essere una persona migliore.

Sconfiggi il Drago, butta fuori il segreto e non guarderai più gli occhi del drago. Guarderai gli occhi di tuo figlio. E capirai che ha capito.

E tutto andrà a posto.